Desy Giuffrè Fazi Editore

Matt per README & REPLY!

lunedì, luglio 23, 2012Desy Giuffrè



Carissimi lettori,

benvenuti al nostro appuntamento settimanale con "Readme & Reply!" ^_^
Non so voi, ma quest'anno sto particolarmente soffrendo il caldo che soffia dalle mie parti, e scrivere o dedicarmi a ciò che amo fare si sta rivelando sempre più piacevole se svolto durante le ore notturne. E' infatti in una notte stranamente fresca che mi accingo a scrivere per voi questo post dedicato all'intervista che Matt di "Io sono Heathcliff" ha riservato a Mik, padrone di casa del curatissimo blog letterario Mr. Ink: diario di una dipendenza
Come immaginavo, l'intervista si è rivelata ancor più interessante del previsto...quindi, non mi resta che augurarvi:

Buona lettura! :))


Matt- Un allegro saluto a tutti i lettori di Mr. Ink : Diario di una dipendenza! Sono già elettrizzato all’idea di prendere parte a questa divertente iniziativa e, se proprio devo essere sincero, mi ritengo davvero fortunato ad avere l’opportunità d’intervistare Mik, ragazzo in gamba e  pieno di risorse, visto il grande impegno che riversa qui, nel suo angolo di letture e condivisioni. 

Mik- Un saluto a te! Il piacere è solo mio. Questa è la mia primissima intervista e, certamente, negli anni sarà anche quella più originale e curiosa che mi proporranno. E' strano trovarti, Matteo, non solo tra le pagine di Io sono Heatchliff, ma anche nel mio salotto virtuale!

Matt- In questa terza puntata  di “Readme and reply!” -la prima intervista da personaggio a blogger che vede come centro della nostra chiacchierata letteraria con Mik, il romanzo Io sono Heathcliff, sequel paranormal romance tratto dal classico Cime Tempestose, uscito lo scorso Marzo per Fazi Editore- cercheremo di approfondire alcuni aspetti del mio personaggio -Matteo- un po’ lasciati al caso, un po’alla fantasia del lettore e, perché no…al destino di un ruolo apparentemente insignificante, al quale è invece affidato un compito di rilievo nel quadro tematico giovanile della storia a cui ha preso parte…

* Matteo è il migliore amico di Damian. A dire il vero, sono il suo unico amico. Sebbene, al contrario di lui, provenga da una famiglia agiata e rubi senza un perché evidente. Su cosa pensi sia quindi basato il nostro legame?

Sul fatto che vi siete riconosciuti come anime affini. Entrambi in fuga da legami familiari troppo soffocanti e da aspettative troppo elevate. Siete in cerca della vostra libertà e della vostra autonomia. Damian cerca di fuggire dal suo mondo, mentre tu, invece, sperando di trovare te stesso – un po' per ribellione, un po' per incoscienza giovanile - vuoi entrare a farne parte.

* Sapresti descrivermi in tre aggettivi?

Ribelle, alla perenne ricerca di risposte, fuori dagli schemi.

* Uno come me potrebbe avere tutto dalla vita. Eppure, invece di trovarmi un altro diversivo, preferisco andare in giro a scippare la gente. Nel mio specifico caso, sapresti trovare una spiegazione al comportamento che assumo in Io sono Heathcliff?

In te regna talmente tanto caos, talmente tanta confusione, che ti porta ad agire quasi come se, mettendo a soqquadro il mondo, potessi adattarlo al tuo complesso animo. Ti senti disorganico alla prigione dorata che i tuoi genitori hanno eretto attorno a te, quindi, tu che hai tutto, esplori il lato oscuro della medaglia, per vedere se negli occhi di coloro che non hanno nulla – denaro, scrupoli, legge.. - sia possibile leggere parte dello stesso tormento. Ti metti alla prova con gesti estremi e prove pericolose per vedere se il tuo cuore pulsa ancora, o se, invece, è stato anestetizzato dal gelo che regna in una famiglia in cui l'apparenza è tutto.

* La mia amicizia con Damian ha in qualche modo influito nelle sue decisioni?

Voi vi siete trovati pur non volendolo e la vostra amicizia, sincera e disinteressata, come ogni amicizia che si rispetti, ha cambiato entrambi, rendendovi esattamente le persone che hanno agito tra le pagine di Io sono Heathcliff. Senza, forse, tutto sarebbe stato diverso e vi sareste trovati protagonisti, vostro malgrado, di un'avventura del tutto diversa, in cui voi due non vi siete mai conosciuti e in cui le vostre scelte non sono influenzate dallo stretto legame con l'altro.

* Più in generale, sapresti trovare un motivo di fondo all’esistenza della criminalità giovanile? Cosa può spingere un ragazzo a diventare schiavo della strada, piuttosto che ad impegnarsi nel realizzare i propri sogni?

Una rabbia viscerale verso tutto e tutti, l'insoddisfazione di non apprezzare il volto che vediamo riflesso nello specchio e che stentiamo a riconoscere come nostro, il bisogno di lasciare un segno in un mondo che corre troppo veloce e la voglia di portare un po' del marcio che si ha dentro all'esterno, contagiando inevitabilmente il mondo.
Le cause, per me, non sono la fame e la disperazione. La malavita, paradossalmente, è un qualcosa di molto raffinato, che ha leggi tutte sue e che, prese le debite distanze, potrebbe essere paragonata alla struttura piramidale di una sorta di monarchia. Chi ha fame, chi non ha nulla di cui sopravvivere, non si legherebbe di certo a simili istituzioni.

* Sono più i giovani disagiati o i “figli di papà” che decidono di darsi al brivido della malavita? 

Penso di aver già risposto sopra. I figli di papà.
Gli altri hanno bisogni più importanti e istinti sì più brutali, ma anche nati da significativi disagi di fondo.

* Ad un certo punto della storia, sembro uscire di scena per poi ricomparire. Avresti preferito che non abbandonassi mai lo scorrere della trama, o pensi che lo spazio occupato dal mio personaggio sia adeguato al ruolo che riveste all’interno del romanzo?

Penso che, come nel caso dell'affascinante Laura, il tuo personaggio avrebbe potuto assumere un ruolo più rilevante e, in tal caso, la tua momentanea sparizione dalle vicende sarebbe potuta apparire un tantino improvvisa. Invece, la tua ricomparsa nel capitolo finale, non crea sconcerto nel lettore, in quanto è perfettamente adeguata allo snodo della storia e alla rilevanza del tuo ruolo nel resto del romanzo.

* Il finale che mi riguarda: te lo aspettavi o si è rivelato una sorpresa?

Il “tuo” finale è in perfetta armonia con l'atmosfera da fiaba che, tra le righe, sembra pervadere tutto il romanzo e abbracciare perfino le situazioni più nere in un'aura luminosa e dolcemente surreale. Me lo aspettavo, ma non mi è affatto dispiaciuto. Tutt'altro.
La realtà filtrata dalla delicata prosa di Desy appare migliore e si è portati naturalmente a sperare per un lieto fine d'effetto e sempre gradito!

* Al posto di Damian, saresti stato felice di avermi come amico? 

Sei un amico leale. Uno spirito inquieto, ma dall'anima e dal cuore grande.
Io, pur essendo apparentemente una persona fragile, ho le idee chiare su cosa vorrei fare della mia vita, quindi la potenziale amicizia tra noi potrebbe scrollarmi di dosso un po' della mia serietà e della mia prevedibilità e arricchire te di valori nettamente più positivi di quelli che la strada ti ha insegnato. Potremmo cambiarci in meglio!

Matt- Grazie mille per aver risposto alle mie domande, Mik! Sei stato gentilissimo, ti porgo ancora i miei complimenti per Mr. Ink: Diario di una dipendenza, e mando un caloroso saluto a tutti i lettori. See you soon! 

Mik- Grazie a te! Mi sono davvero, davvero divertito! :-)

You Might Also Like

1 commenti

  1. Grazie mille per avermi coinvolto, cara Desy :)

    RispondiElimina

"Lo stare insieme è nello stesso tempo per noi essere liberi come nella solitudine, essere contenti come in compagnia."
Emily Brontë

Recent Posts

Siti&Blog Amici

Popular Posts